mercoledì 30 aprile 2014

Tutte le ricerche convergono in un punto

Oggi vi propongo una mia riflessione riguardo al sistema della nostra scuola di Wing Chun Torino, nello specifico dell'Hek Ki Boen Eng Chun e su come viene considerato dagli altri Autorevoli Sifu (Maestri).

Come molti praticanti di Wing Chun in Italia anche io ho iniziato a praticare quest'arte marziale praticando il sistema del Gran Master Ip Man. 

In una fase del mio percorso Wing Chun entrai a far parte di un'organizzazione mondiale con a capo un Sifu famoso e conosciuto da tutti per le sue ricerche storiche sui vari lineage.


Proprio in quell'occasione venni a conoscenza dell'esistenza di un sistema di Wing Chun che più degli altri si avvicinava ai canoni originari del monastero Shaolin del sud,  luogo dove gli si attribuisce la sua nascita.

Partecipai al primo seminario di presentazione di questo sistema chiamato Hek Ki Boen o Black Flag, ricordo come il Sifu era entusiasta nello spiegare le teorie cardine del sistema, le posizioni bilanciate e soprattutto i devastanti colpi che si riuscivano a sferrare senza connettere il corpo al terreno...
Tra me pensai "se un gran conoscitore del Wing Chun è così euforico significa che questo sistema è ottimo!!".

Ad avvalorare la mia tesi vi è il fatto che nei programmi di quella scuola una buona parte proviene dall'Hek Ki Boen!!!

Successivamente ebbi la notizia che un altro Grande conoscitore e ricercatore di Wing Chun, che vive in America e che è il creatore di un museo sulla storia del Wing Chun, era giunto all'Hek Ki Boen e avendone riconosciuto la sua autenticità, lo aveva inserito all'interno del suo museo oltre che studiarlo ed insegnarlo nella sua scuola.

Il fatto che anche due autorevoli Sifu praticano l'Hek Ki Boen Eng Chun è garanzia dell'alta qualità tecnica ed efficacia che il sistema offre ai principianti o ai praticanti di qualsiasi grado!!

Sempre più amanti del Wing Chun si avvicinano all'Hek Ki Boen, le nostre scuole restano a disposizione di chiunque avesse voglia di saperne di più...




Nessun commento:

Posta un commento